Pagine

31.5.10

IL BOSS E L' ITALIANA - 19^ PUNTATA



Puntata numero 19 del racconto di Sharonlacorta, buona lettura e buona settimana.



A casa, Giulia cercò di distrarre i bambini che erano comunque sconvolti, mentre Bruce si occupava di Nora, che piangeva a dirotto.
“Cerca di stare tranquilla… Per ora è tutto a posto…”
“Mai! Mai mi sarei immaginata che sarebbe arrivato a un punto simile!!” le lacrime della donna sembravano inarrestabili.
“Stai calma, calmati! Cerca di tornare in te, devi andare dai tuoi bambini. Sono qui, ora. E hanno bisogno di te”
“Hai ragione, - rispose, tirando su col naso – vado a lavarmi la faccia”
In quel momento Giulia entrò nella camera.
“Come va?” chiese, indicando con un cenno del capo la porta del guardaroba che dava sul bagno.
Bruce esibì un’espressione per nulla convinta.
“E’ molto provata”


“Te credo – rispose Giulia – Certo è che i due di sotto mica vanno tanto meglio”
Bruce si allarmò.
“Piangono?”
“Andrea ha gli occhi lucidi. E tutti e due li hanno fuori dalle orbite”
Bruce si fiondò giù dalle scale.
“Forse posso fare qualcosa… Almeno per il bambino”
Di nuovo Giulia indicò il bagno.
“Quando esce la rincuoro un altro po’, poi scendiamo”
Ma Bruce era già per le scale.
Andrea era pallido. Tremava leggermente. E aveva gli occhi sgranati e lucidi, proprio come aveva detto Giulia. Bruce si sentì impotente di fronte a tanto spavento, a tanto dolore. In grazia del suo piccolo feeling sviluppato col bambino tentò, in un italiano assai stentato, di consolarlo: gli si accosciò di fronte.
“Ehi”
Il bambino lo guardò come se non lo riconoscesse. Aprì le braccia per accoglierlo, ma il bambino non si mosse. Emma invece, fino a quel momento rimasta in parte, prese suo fratello per mano e lo forzò a buttarsi nell’abbraccio, approfittando anche lei del conforto offerto.
“Io non sono cattivo, non voglio fare male a nessuno” esordì Bruce.
Emma lo guardò.
“Lo sappiamo. Ma non vogliamo più vedere papà e te che vi picchiate”
“Non succederà più” promise.
Piagnucolante, Andrea chiese:
“Dov’è la mamma…?”
“Sono qui…”
Nora scese le scale, l’incedere incerto, gli occhi arrossati.
Andrea si liberò dell’abbraccio di Bruce e corse incontro a sua madre.
Emma e Bruce rimasero a guardarsi ancora un attimo. Poi la bambina buttò le braccia al collo di Bruce. L’uomo la strinse a sé e provò un gran calore al cuore. Mai si sarebbe sognato di prendere il posto di nessuno, padri, madri, perché possono essere le persone più spregevoli che esistano ma così ha stabilito il destino per te. Si può scegliere altrimenti, certo, ma la propria tutela non può essere imposta. Lui era entrato delicatamente nella vita dei bambini, poiché in tal modo aveva gestito le cose la loro madre. Lei non aveva imposto loro la presenza di lui né aveva tentato di comprare per lui un ruolo, aveva semplicemente atteso che le cose accadessero da sole, come in effetti era stato. Emma si staccò da lui, anch’ella cogli occhi lucidi, poi corse da sua madre.
Nora, stringendo i suoi figli, si rimise a piangere. Ormai la sbornia era bell’e che smaltita, restava soltanto un grande dolore. Si misero tutti sul divano, abbracciati, la stufa accesa, Giulia che s’era adoperata per preparare un tè per tutti. Dopo un po’ Nora e i bambini, abbracciati a lei, si addormentarono. Bruce cercò di fare in qualche modo gli onori di casa.
“Giulia, credo che tu possa dormire nella stanza dello yoga…”
“E’ lì che normalmente Nora mi ospita… Ti ringrazio, faccio da sola. Credo sia meglio anche per te se riesci ad andare a riposare”
“Sono stanco in effetti. Però non volevo lasciar loro così… Sul divano…”
“Non preoccuparti. Se si sveglierà Nora, li porterà a letto lei”.
Bruce rimase dubbioso.
“Ok…”

Verso le tre di notte Bruce sentì dei movimenti nel letto. Finalmente Nora era arrivata. Aveva continuato a girarsi e rigirarsi nel letto, quasi infreddolito dall’assenza di lei.
“Sei riuscita a portarli a letto?”
“Sì… Pesano una tonnellata ormai, è uno scherzetto che non riesco a far più con tanta disinvoltura”
“Avresti dovuto chiamarmi”
“Sì… avrei dovuto chiamarti”
“Come stai?”
“Sono ancora molto scossa”
“Mi dispiace molto per quello che è successo. Ti chiedo scusa, di rado perdo le staffe, e tanto da aggredire qualcuno sarà successo due volte e quando ero davvero molto più giovane di così. E poi non ho nessun diritto in intromettermi, men che meno con queste modalità”
Nora accennò un lievissimo sorriso.
“C’è da augurarselo…”
“Ma non sono scossa propriamente da quello” continuò.
“Quello che mi spaventa e quindi mi lascia scossa, è che avrei voluto che lo ammazzassi” precisò, gli occhi bassi.
Bruce scosse la testa, anch’egli mostrando un lieve sorriso.
“Ma no, stai tranquilla. Credo sia una reazione abbastanza naturale da parte di una madre alla quale sono stati sottratti i figli, anche se per un giorno soltanto. Vedrai che col passar del tempo quel desiderio ti abbandonerà e succederà anche rapidamente”
“Difatti è già passato. E’ per questo che dovrò rincontrarlo e parlargli. E’ stato indecente il suo comportamento e il mio… Dobbiamo chiarire”
Bruce rimase un po’ perplesso. Era un atteggiamento cui sottendeva un ragionamento complesso, tipicamente dietrologico, tipicamente femminile. Ma come aveva già specificato ad entrambi i “contendenti” doveva starne fuori. Avrebbe vegliato su Nora per evitare che ci fossero altri scontri ma non si sarebbe più permesso di scagliarsi così contro il marito. O almeno ci avrebbe provato.

16 commenti:

DJ WOAD ha detto...

perchè cancellate i commenti?
ciao

57 channel ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
tsitalia ha detto...

@ DJ WOAD: non ho cancellato nessun commento ma solo spam.
Da oggi ho introdotto la moderazione dei commenti.

DJ WOAD ha detto...

beh, però mi sembravano commenti costruttivi, non spam. In fin dei conti davano un giudizio. Se una persona scrive un racconto e lo pubblica su internet mi pare sia abbastanza normale che venga "giudicato", positivamente o negativamente.

DJ WOAD ha detto...

e continuate a cancellare i commenti.....
senti ma cisarà un finale tipo Lost oppure andrà avanti all'infinito tipo Sentieri?

tsitalia ha detto...

@DJ WOAD: Sono d'accordo con te, se uno pubblica qualsiasi cosa deve metter in conto il giudizio altrui positivo o negativo esso sia. Non mi piace invece la presa per il culo gratuita quindi ho fatto un po' di pulizia nei commenti.

il Cala ha detto...

io sono d'accordo con tsitalia, certa gente vada a seminar zizzania da altre parti, fanno tanbto i pacifisti poi me li vedo alle manifestazioni coll'estintore in mano.
bravo tsi!

Anonimo ha detto...

Chi pubblica deve essere consapevole che un pò di critica la può creare..o ti aspetti solo lodi?

tsitalia ha detto...

@anonimo delle 13.01: vedi sopra.

Anonimo ha detto...

possiamo sapere se i racconti continueranno?

tsitalia ha detto...

Ciao anonimo, piacerebbe saperlo anche a me. L' unica cosa che posso consigliarti è di ripassare spesso o di iscriverti ai feed rss.

Anonimo ha detto...

Grazie della risposta Tsitalia e complimenti per il nuovo look del blog.
Si sono iscritto ai feed solo che sono un po' di giorni che tutto tace e non vorrei che solo per colpa di qualche persona poco rispettosa si fermasse tutto.
Fai sapere all'autrice che io sono con lei

Francesco ha detto...

Senza nascondermi dietro account anonimi e senza paura di esagerare, direi che questi racconti fanno veramente cagare. L'idea di base poteva anche essere carina, ma dopo la prima puntata (c'è chi dice maliziosamente già dopo la prima riga, ma io non sono di quelli), direi che il livello di trash è degno del peggior Harmony.

il Cala ha detto...

http://inquisit.splinder.com/post/22888320/la-pompi-nora

Anonimo ha detto...

Allora..ma escono ancora nuove puntate o si interrompe qui? Almeno che l'autrice faccia un finale,sia pure interruptus.

tsitalia ha detto...

Novità a breve